martes, 23 de junio de 2009

Gli Alloa di Chieri


Dalle rubriche dei catasti dell’Archivio Storico Comunale di Chieri della fine del XVI secolo ci è consentito sapere che Giovanni Andrea Alloa, Giovanni Agostino Alloa, Andreana Alloa, residenti nel quartiere Gialdo, e Giovanni Giacomo Alloa, residente nel quartiere Albussano, erano proprietari di beni immobili nella cità di Chieri.

Tra i membri della famiglia chierese occorre fare un accenno speciale a Giovanni Alloa, probabilmente uno degli stessi nominati prima, poiché grande sembra essere l’importanza che gli viene conferita negli atti comunali a cui si accenna negli Atti della Reale Accademia delle Scienze di Torino de 1814.

“… questo nuevo documento ci consente a far conoscere qui il gran suggello di quel Comune, compiuto in ogni sua parte e quale usavasi in tutti gli atti solenni e di riguardo. Intendiamo alludere all’atto de cittadinanza o borghesia conferita il 17 aprile dell’anno 1555 ad un tal Giovanni Alloa, essendo il Consiglio maggiore presieduto dal podestà Giovanni Camotto. L’impronta di questo sigillo ci rapprensenta i due patroni del Comune (2), San Guglielmo e San Giorgio...” (op. cit., p. 574)

Inoltre, da quanto risulta dai registri dell’Archivio della Confraternita del S.S. Nome di Gesù in San Bernardino, il 24 giugno 1589 Giovanni Andrea Alloa (citato sopra) divenne rettore di questa cofraternita, che allora aveva sede nella cappella del primo chiostro del convento dei Francescani, oggi sede del palazzo comunale di Chieri. Il 25 dicembre dello stesso anno divenne sottorettore.

Archivio Storico di Chieri, TO, Italia

No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada